GRUPPO MONTE SAN PIETRO 1°
ASSOCIAZIONE ITALIANA

GUIDE E SCOUT D'EUROPA CATTOLICI

Solo Scautismo: niente di più, niente di meno
Home

 

Informazioni generali

Chi siamo

Cos'è lo Scautismo

Chi sono i Lupetti

Chi sono gli Esploratori

Chi sono le Guide

Chi sono i Rover

Per i genitori
Genitori alla scoperta dello Scautismo

 

Il nostro Gruppo

Dove siamo
Branco della Candida Luna

Riparto Halteclere

Circolari e notizie

Come contattarci

 

Storia e curiosità

la croce della FSE

Scout e cavalieri
Il distintivo regionale

 

Links
La nostra associazione

La Chiesa di Bologna

 

 

Lettera di Baden-Powell ai Genitori

 

Nel 1919 il fondatore dello Scautismo scrisse questa lettera ai genitori inglesi;la riproduciamo perché ci sembra ancora molto attuale

 

 

Cari colleghi genitori,

sono sicuro che molti di voi sentiranno, come me, la pesante responsabilità che ricade sulle nostre spalle per ciò che concerne il futuro dei nostri figli. Abbiamo visto gente che riesce nella vita, e altri che non riescono.

Vogliamo che i nostri ragazzi siano tra coloro che riescono, e sappiamo che il loro fallimento o il loro successo dipendono in larga misura dal tipo di educazione da essi ricevuto e dalla personalità che si sono formati.

E quest’educazione e personalità dipendono in larghissima misura da noi. Molti di noi sono consci della nostra responsabilità in questo campo, e al tempo stesso del fatto che manchiamo di risorse. Non abbiamo nessun addestramento specifico come educatori, abbiamo poco tempo libero, non possiamo permetterci spese scolastiche elevate. Eppure queste temporanee incapacità da parte nostra rischiano di mettere a repentaglio il futuro dei nostri figli. Li mandiamo alle scuole migliori che possiamo permetterci, ma la formazione scolastica dà loro tante ore di leggere, scrivere e far di conto, e ciò non basta per assicurare la riuscita nella carriera di un uomo.

Guardate ai molti uomini famosi che si sono fatti dal nulla. Non è stato il “leggere, scrivere e far di conto” che ha fatto far loro strada. E allora, cos’è stato? È stato il loro carattere.

Come possiamo ottenere la formazione del carattere? Gli esperti più autorevoli ci dicono che il carattere non è cosa che possa insegnarsi a una classe in una scuola.

Il Movimento scout è stato espressamente concepito in modo da venir incontro a questa esigenza, e nei dodici anni della sua vita ha dimostrato la sua capacità di agganciare il ragazzo e, tramite attività che lo attirano, farlo crescere in quattro aree principali:

      • carattere e intelligenza
      • salute e sviluppo fisico
      • abilità manuale e hobbies
      • servizio disinteressato per gli altri.

Un ragazzo, a seconda della sua età, tra gli 8 e i 18 anni, entra in una delle tre branche del Movimento, la branca cadetta (i Lupetti), quella di mezzo (gli Esploratori), quella degli anziani (i Rover).
Egli vi trova una sana compagnia e sane attività, sotto il controllo personale del Capo, cosicché il suo carattere si sviluppa nel senso giusto per il suo bene e, ciò che più conta, anche per quello di tutta la comunità.

B.-P. con la sua famiglia

 

 

 

 

 

 

Copyrig FSE Monte San Pietro 1° - Cod.Fisc. 91223020370 - Realizzato in proprio ht d.